martedì 21 aprile 2009

Sulla condivisione libera della musica, e blogspot



Sembra quasi impossibile che, tra i numerosissimi blog musicali, si possano trovare piccoli tesori, perle, e veri e propri capolavori.
Prima di parlarvi di due album (questo avevo in programma), permettetemi di dirvi due parole su questi blog, e sui diritti d'autore in campo musicale.

I colleghi blogger hanno dei blog proprio qui, su questo dominio, blogspot.com. Difatti, dopo averlo scoperto, non appena mi serviva qualche album da scaricare, scrivevo semplicemente il nome dell'artista e blogspot.com su Google, e via, in questo modo ho scoperto vari blog. I link potete trovarli a piè di pagina, ma vi dico solo che, entrati in un blog, vedrete nei link altre decine di blog affiliati: se non eravate a conoscenza di quello di cui vi sto parlando, potete rietenere questo post come un punto di partenza.
I blog musicali. Numerosissimi sono quelli sul metal, soprattutto Nordico, Black, Pagan, Viking. Non credo sia una mia (falsa) impressione, dato che appunto cercavo delle band viking, ma sembra che il metal sia il genere più scaricato e condiviso. I paesi più attivi sono quelli latini, America del sud, ma anche europei, Spagna-Portogallo, e quelli del nord, Germania, in piccola parte Belgio, Francia, e una notevole importanza hanno anche i paesi slavi.
Esistono ovviamente anche altri blog non-metal.

In questi blog si trovano gli album di svariate band. I tag dei post sono i generi musicali, e ogni post ospita un album (talvolta anche più, ma raramente), con relativo titolo, copertina, lista delle tracce, la nazionalità, l'anno, a volte anche il tema dei testi! E poi, la parte più importante, i(l) link per scaricare l'album. Semplicemente, loro comprimono i cd in un file con dentro le canzoni, la copertina, e a volte anche un file di testo per il riconoscimento dell'appartenenza a quel blog - perché è quasi sicuro che chi usa programmi p2p metterà questi album in una cartella condivisa. Un file condiviso con tutti, e quindi scaricato, da 1 diventa 100 in mezz'ora, e così via moltiplicandosi, favorendo visibilità e accessi al blog.
Questi file vengono caricati su domini di free hosting. Ovvero, parcheggiati per sempre su server di simpatici amiconi, che offrono alla gente i loro computer sempre accessi e sempre connessi - non so come guadagnano, ad ogni modo è possibile pagare qualcosina per avere dei privilegi nell'uso del servizio.
Ed è fatta. In questo periodo stavo cercando qualcosa di alternative. Mi son fatto una piccola cultura informandomi sulla storia del genere, caratteristiche, influenze eccetera, quindi ho trovato i nomi delle band (nel mio caso, i The butterfly effect), ho cercato su Google scrivendo anche "blogspot.com", e sono giunto a questo sito.

La condivisione della musica è cosa buona e giusta.
Mi sono informato sulla vicenda di The Pirate Bay (che si è conclusa di recente). Be', a quanto pare sono riusciti, nonostante tutto, a metterli dentro. E loro manco ospitano i file torrent, poveretti, ma ne agevolano la condivisione, cioè sono una specie di Google dei torrent. Ad ogni modo, il processo è stato una barzelletta, e in realtà tutti i discorsi sul voler togliere la pirateria da internet fanno solo ridere.
Fanno ridere soprattutto quando la pirateria non uccide le vendite, ma le incrementa. O meglio, le incrementerebbe di più una libera condivisione (legale) da parte degli artisti. Vedasi il caso Radiohead. La verità la conosciamo tutti. Sono le major a guadagnare dalla presunta legalità (ma, è stato fatto presente, il p2p non è illegale, in quanto non si ruba un'opera, ma la si copia, e chi la possiede non ne viene privato ovviamente). Invece, una band che accetta offerte e offre gratuitamente i propri album mette paura alle etichette discografiche, perché in questo modo il denaro passa dai fan alla band, direttamente. Rendendole, così, quasi inutili.
Oltretutto, le band non guadagnano tanto dalla vendita dei dischi, quanto dai concerti. E non si può piratare un concerto. In un concerto i fan sono felici di pagare per partecipare all'evento.
In più, una volta appurata la qualità di un artista - dopo averne scaricato gli album -, se davvero si ama quella band, quell'artista, allora lo si finanzierà perché lo si vuole davvero.
Io amo i Dream Theater, il 23 giugno uscirà il loro nuovo album. Ciononostante, su The Pirate Bay (sì, è ancora aperto) si può trovare un torrent che contiene due canzoni, di cui una edita e l'altra no. Non ho idea di come abbiano fatto a recuperare quella inedita. Fatto sta che le ho ascoltate entrambe. Ma non era necessario, perché comunque sia ho la discografia della band, mi fido di loro, difatti comprerò a occhi chiusi l'album. Se possibile, comprerò direttamente l'edizione speciale.
Se non avessi mai scaricato degli album di questa band, sarebbe stato più difficile per me conoscerli e apprezzarli. In questo modo invece non solo li apprezzo, ma li finanzio pure e, appena mi sarà possibile, andrò a un loro concerto.
Il 23 giugno sono al Gods of metal. Andrei a vederli...
Se non avessi la prima prova di Italiano due giorni dopo...

---------
Link utili:
Northen Warriors. Blog musicale, su Black, Viking, Pagan metal e simili.
Musicsharing4all. Altro blog musicale su vari generi rock e metal.
The pirate bay. Il sito incriminato, ma ancora aperto e funzionante. Si noti che nel blog del sito, in una notizia riguardante il blocco degli accessi (italiani) alla Baia, l'Italia è stata definita uno dei paesi fascisti, con Berlusconi al comando fascista. Lol! Lo hanno capito tutti, allora! Certo però che suona strano detto da stranieri - in questo caso da svedesi. xD

nota: l'immagine in cima appartiene a Northern Warrior, primo blog sopra linkato, e l'unico motivo per cui l'ho scelta è che è figa e appartiene, appunto, a un "blog musicale".

2 commenti:

Giulio Pepe ha detto...

Che dire, sono completamente d'accordo.
Le soluzioni per fermare la pirateria sono molte e nemmeno invadenti (mettere filtri alle connessioni, mettere protezioni ai dischi, dannarsi la vita a cercare ed arrestare chi la propaga e cazzate varie). Basta trovare un metodo comodo ed economico per far avere una copia legale di qualsiasi cosa. L'utente preferirà essere nella legalità, se può averla comodamente e senza spendere molto. Con questi metodi però ovviamente le case discografiche, la mafia (siae) e compagnia bella non ci guadagnano, quindi sono da escludere.

oscar ha detto...

Hola!

Mi nombre es Oscar Aguilar, a través de la web encontré tu página
y me pregunto si te gustaría intercambiar enlaces
con una de mis webs. Actualmente tengo una web de Modelos Famosas y
estoy buscando otras páginas relacionadas para enlazar a mi web.

Tu enlace estarìa en:

http://www.cantantesybiografias.com/

Si te interesa, por favor agrega a tu página la siguiente información
de mi enlace y hazme saber cuando este listo para colocar tu enlace
inmediatamente.

Mi información es:

Titulo: Video de Chicas

Por favor el titulo enlazado a esta URL:

http://www.chicasybikinis.com/

Descripción(opcional):

Fotos de alta calidad de las chicas mas bellas.


Quedo a la espera de tu respuesta.

Oscar Aguilar
oscar.aguilar@cantantesybiografias.com

Webmaster

PD - Con el fin de seguir las políticas anti-spam, si no deseas recibir
más solicitudes de este tipo por favor llena el siguiente formulario:
HTTP://WWW.NOMOREMAILS.COM o manda un mail a: STOP@NOMOREMAILS.COM y
evitaremos contactarte nuevamente.