martedì 24 gennaio 2012

Agenzia Duca: un assaggio pratico

agenzia duca valutazione correzione bozze racconti scrittura editing

Come ormai saprete, il Duca ha aperto un'agenzia - Agenzia Duca - di valutazione testi, editing, consulenze e vero e proprio insegnamento alla scrittura in prosa per narrativa di genere.
Non starò qui a "presentarla". Potete cliccare sul link e leggere direttamente tutto ciò che volete sapere a riguardo.
Non esiste niente di simile in Italia, e ho seri dubbi che esista qualcosa di simile in Europa.
Conosco il Duca (virtualmente, ahimè; non ci siamo ancora visti di persona) da qualcosa come sei o sette anni, forse qualcosa di più. La sua passione per scienza, storia e letteratura non ha eguali - per non parlare di politica, economia, fiction e tutto il resto. Sa quel che fa e quel che dice, e per questo motivo è degno di fiducia. Se si mettono tutte queste qualità all'interno di una professione, allora si può star certi di essere nelle mani giuste.
La narrativa, per i più, è un po' come la politica o la psicologia. La gente ne parla e paradossalmente crede di saperne di più di chi l'ha studiata. D'altronde tutti votiamo, tutti facciamo inferenze su atteggiamenti e comportamenti altrui, e questo ci fa sentire esperti, al punto da ignorare la voce di chi è davvero esperto in materia.
L'Agenzia Duca in pratica consiste nella conoscenza acquisita da anni di studi teorici ed empirici in ambito letterario, il tutto condensato in un prodotto di altissima qualità (la valutazione, l'editing e via discorrendo) che non si limita alla "raffinazione" di un elaborato grezzo (Il mio mitiko racconto fentesi!!!1), ma in un vero e proprio corso rapido di formazione.
Ma mettiamo da parte la "promozione"; c'è chi la sa fare molto meglio di me.
Veniamo al post in questione.

Tanti anni fa, il Duca cominciò praticamente a farmi da Mecenate (o meglio, da Cicerone, o entrambi). Ero un giovanissimo scrittore fantasy che scriveva... be', come tale. Male. Inviai al Duca alcune pagine di un racconto che stavo scrivendo (avevo 15 o 16 anni) e lui me le restituì con modifiche, cancellature e "insulti" (lol). Le correzioni erano del tipo: "Perché mai un ufficiale di quel grado si reca di persona su quell'isola senza una scorta per ascoltare un nano che spiffera delle informazioni segrete sulla situazione politica del suo regno?" O ancora: "Non si capisce niente dai termini che usi per indicare le parti della nave: impara i termini adeguati o lascia perdere!"
Sono esempi banali, ma ricchi di significato. Lo scrittore fantasy (e non solo) standard, privo di un'educazione adeguata, si rifà talvolta a fiction di scarsa qualità che, unite a una mancanza di senno e di cultura, danno luogo alle schifezze che vediamo sugli scaffali delle librerie.
Il Duca, allora, era un ottimo editor (parliamo di 7 anni fa, eh!), ma al tempo stesso era lettore appassionato, cinefilo, videogiocatore e tanto altro. Grazie alla sua pazienza, al suo interesse, e alla sua fiducia, ho goduto, in questi anni, di suggerimenti e talvolta anche di piccoli editing (si noti che ho pubblicato solo racconti, in questi anni).
Il trucco sta nel saperli cogliere.
Ammetto di aver fatto spesso di testa mia. Qualche volta ho ignorato alcune sue correzioni o ho riscritto peggio di prima certe parti.
Ma tutto sta nella presa di coscienza che scrivere non equivale a buttare giù ciò che ti viene in testa (e pretendere di ricevere lodi). Scrivere bene significa informarsi e imparare per tentativi ed errori, cercando di applicare delle norme che altri hanno stabilito allo stesso modo, per tentativi ed errori.
Ignorare tali norme significa voler "riscrivere la scrittura" da zero. Un po' come voler imparare regole già note della Fisica partendo non, per esempio, da Newton, ma prima ancora, dai greci. Una follia, uno spreco di tempo e di forze, per non avere alcun risultato.
Ora, con l'approvazione del Duca, vi propongo la bozza di un racconto che ho scritto 4 anni fa. Sarà superfluo dire che da quel racconto a ora ci passa un abisso, non tanto di tempo quanto di maturazione tecnica. Le regole indicatemi dal Duca le ho apprese e applicate, ma soprattutto assimilate, al punto da non incappare più in particolari errori.
Così com'è il racconto non è affatto tremendo, ciò nonostante la correzione del Duca dimostra come un racconto accettabile possa migliorare di molto.
Inoltre, le correzioni stilistiche del Duca, motivate e contestualizzate, insegnano a non commettere più gli errori fatti (in pratica, un investimento per tempo ed energie future).
Ho convertito il file in un pdf, raggiungibile cliccando qui.
Buon divertimento.

10 commenti:

Michele A. F. Greco ha detto...

Sono sempre più deciso a mandargli il mio romanzo! Lo sto completando, poi faccio un editing iniziale io. Verso maggio dovrei mandarglielo.
Nel frattempo sto mettendo da parte i soldi. Costa tanto, ma ne vale assolutamente la pena :)

Anonimo ha detto...

Molto interessante, grazie per averlo pubblicato. È anche meglio di quanto pensassi.

Che tu sappia - o che il Duca sappia, se legge - gli articoli di scrittura di Palahniuk a cui fa riferimento alla fine si trovano gratuitamente da qualche parte?

Anonimo ha detto...

Fantastico.
Grazie per aver condiviso il .pdf! Ormai una valutazione del Duca, a storia terminata e corretta, non me la toglie nessuno :)

-Laurantoine

Il Duca di Baionette ha detto...

Sono rimasti alcuni refusi e due frasi incomplete (che si capiscono lo stesso, ma è meglio se le completo). Colpa mia che avevo fretta di aggiornare i commenti per non farti ritardare ancora la pubblicazione dell'articolo.

Ti passo domani una versione con i refusi corretti.

Federico Russo "Taotor" ha detto...

@Anonimo: non ne ho idea, ho cercato quel saggio in giro per il web ma non l'ho trovato. Ma non sono un esperto di Palahniuk, sicché...

Carico ora la nuova versione perfetta.

Il Duca di Baionette ha detto...

@Taotor: ti passo via mail gli articoli del corso di scrittura di Palahniuk. Effettivamente online non si trovano più.

Talesdreamer ha detto...

Perdonate il necroposting, ma sarebbe possibile riuppare il pdf della correzione? Non è più disponibile, e io sono tanto tanto curiosa di vedere il Duca all'opera. ;_;

Federico Russo "Taotor" ha detto...

Richiesta legittimissima: il mio vecchio spazio di hosting è scaduto poco tempo fa.
Ad ogni modo, ho aggiornato il link, dovrebbe funzionare.

Talesdreamer ha detto...

Grazie mille. :3

Fulvia ha detto...

Ti ringrazio per aver messo a disposizione dei miei occhietti avidi il tuo racconto con i commenti del Duca. Da quando ha aperto la sua Agenzia ero curiosa da matti su come il Duca svolgesse il suo lavoro e con che grado di competenza (e passione). E' stato interessantissimo.
Seguirò ancora questo blog.